Ritiro della patente per alcol alla guida: come riaverla

Art. 186 del codice della strada

Hai bevuto un pò più del dovuto, sei stato fermato per un controllo per guida in stato di ebbrezza e le forze dell’ordine hanno proceduto al ritiro della patente per alcol ex art. 186 del codice della strada?

La patente ti serve per lavorare,  per ragioni di salute o personali e non puoi farne a meno?

Mi presento, sono l’Avv. Daniele Mistretta, Cassazionista e specializzato in diritto penale e da anni sono appassionato e mi occupo di casi di guida in stato di ebbrezza a Roma e in tutta Italia.

Ho preparato, qui sotto, una video lezione dal titolo: “Ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza: rimedi e soluzioni all’alcoltest”, dove ti illustrerò le possibilità difensive che ci sono in questi casi di ritiro della patente per alcol.

Ritiro patente per alcol alla guida - Contenuti

Cosa succede in caso di guida in stato di ebbrezza?

Come ho già spiegato in altri articoli e nel mio libro “Difenditi dall’alcoltest: 10 strategie per prevenire e affrontare i casi di guida in stato di ebbrezza”, in caso di guida in stato di ebrezza  con tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro e in caso di rifiuto dell’accertamento con alcoltest, si aprono due procedimenti differenti.

Il primo è amministrativo, per cui gli agenti che sono intervenuti trasmettono la patente al Prefetto che la sospenderà in via provvisoria, generalmente per un periodo di tempo determinato che dipenderà dal tasso alcolemico che è stato accertato. Ovviamente più il tasso alcolemico è alto, maggiore sarà il periodo di sospensione della patente.

In questo caso, il Prefetto ordinerà, inoltre, di sottoporti a delle visite mediche per riottenere dalla Commissione medica locale, l’idoneità alla guida. 

Il secondo procedimento è penale e si rischiano delle gravi sanzioni che vanno dall’arresto, all’ammenda, alla revoca o sospensione della patente e la confisca dell’auto.

E' possibile recuperare la patente ritirata per alcol?

È possibile recuperare la patente dopo che è stata ritirata a seguito della contestazione del reato di guida in stato di ebbrezza ai sensi dell’art. 186 del codice della strada?

Certo che è possibile, e lo strumento più immediato consiste nel presentare ricorso al Giudice di pace civile entro 30 giorni dalla notifica dell’ordinanza di sospensione della patente.

I tempi di notifica dell’ordinanza prefettizia non sempre sono rapidissimi e i ritardi nella consegna dell’ordinanza si verificano, in molti casi, perchè chi è stato incaricato dalla Prefettura di effettuare la notificazione nel luogo di residenza o di elezione di domicilio impiega troppo tempo.

Mi è capitato, spesso, che gli agenti delegati non avessero letto la Pec inviata dalla Prefettura contenente l’ordinanza da notificare!

Si può chiedere l’immediata restituzione della patente?

Sì, tuttavia bisognerà dimostrare al Giudice di pace civile che il ricorso è fondato e che sussiste un pericolo di un danno grave ed irreparabile qualora dovesse permanere la sospensione della patente.

Il Giudice deciderà su questa richiesta di sospensione dell’ordinanza di sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza o sotto stupefacenti generalmente in brevi tempi.

Successivamente, fisserà un’udienza dove potrà decidere definitivamente sul ricorso.

Conviene proporre ricorso contro il ritiro della patente per alcol?

La valutazione delle ragioni per cui è possibile fare ricorso e della convenienza  a proporlo deve essere valutata attentamente dal tuo Avvocato di fiducia esperto di questa materia che deve, prima di tutto, elaborare la strategia difensiva più opportuna per il tuo caso specifico come se fosse un vestito tagliato su misura da un abile sarto.

Esistono altri rimedi a seguito del ritiro della patente per alcol?

Sì, esistono.

Se si dovesse, , ad esempio, avere un rapido provvedimento di archiviazione perchè il fatto non sussiste o per non aver commesso il fatto, come avvolte può capitare da parte del Giudice penale la patente verrà restituita.

Lo stesso principio vale nel caso in cui si dovesse avere una sentenza di assoluzione sempre da parte del Giudice penale per le stesse ragioni.

Anche in questo caso la patente dovrà essere restituita.

Vi è poi la possibilità di svolgere i lavori di pubblica utilità presso un ente convenzionato presso il Tribunale ai sensi dell’art. 186, comma 9 bis del codice della strada che garantisce il dimezzamento del periodo di sospensione della patente.

Richiedi assistenza legale per guida in stato di ebbrezza

Se hai un problema di guida in stato di ebbrezza un suggerimento è quello di attivarti quanto prima per evitare effetti pregiudizievoli ed affidarsi ad un avvocato esperto nella risoluzione di questi casi, in modo da ridurre al minimo il disagio causato dalla violazione dell’art. 186 del codice della strada e non perdere delle chances difensive .

Per prenotare un consulto contatta il 339.2268781.

Video lezioni in materia di guida in stato di ebbrezza

Di seguito metto a disposizione delle video lezioni da me realizzate in materia di ritiro della patente per alcol e guida in stato di ebbrezza dove fornisco ulteriori informazioni utili per affrontare il problema.

Domande Frequenti in caso ritiro della patente per alcol

Come è possibile recuperare la patente ritirata per alcol?

È possibile fare ricorso al Giudice di pace civile entro 30 giorni dalla notifica del periodo di sospensione della patente.

Inoltre, si può dimezzare il periodo di sospensione della patente attraverso lo svolgimento dei lavori di pubblica utilità ai sensi dell’art. 186 bis del codice della strada.

Qualora, poi, si dovesse essere assolti il Prefetto dovrà restituire la patente.

In caso di ritiro della patente per alcol entro quanti giorni il Prefetto deve emettere l’ordinanza di sospensione della patente?

Non esistono dei termini perentori nelle ipotesi che integrano reato penale e, pertanto, non si potrà invocare per riottenere la patente in Prefettura che sono trascorsi oltre 20 giorni dal ritiro della patente. La giurisprudenza ha affermato in alcuni casi che un termine ragionevole è quello di 90 giorni, tuttavia bisognerà farlo valere dinanzi al Giudice di Pace impugnando l’ordinanza e facendo ricorso.

È possibile avere un permesso di guida provvisorio in caso di ritiro della patente per alcol?

No, non è possibile nei casi di contestazione di guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro o in caso di rifiuto di sottoporsi all’accertamento.

Difatti, solo quando il tasso alcolemico è inferiore a 0,8 grammi per litro e si versa in ipotesi di violazione amministrativa e non penale si può chiedere al Prefetto un permesso di guida entro 5 giorni dal ritiro della patente.

L’istanza deve essere motivata e documentata e dovrà indicare l’impossibilità o l’estrema difficoltà a raggiungere il posto di lavoro con mezzi pubblici o comunque non propri, ovvero il ricorrere di una situazione che dà diritto alle agevolazioni previste dalla nota legge 104 del 1992 sulla tutela dei portatori di handicap.

Le ore per cui è concesso il permesso provvisorio di guida non sono più di tre ore al giorno e verranno recuperate alla fine del periodo di sospensione della patente e nella misura doppia rispetto alle ore di cui effettivamente hai goduto del permesso di guida.

Sono previste delle visite mediche in caso di ritiro della patente per alcol?

Il Prefetto, contestualmente alla sospensione della patente, dispone l’obbligo di sottoposizione a visita medica per la verifica dei requisiti psico-fisici alla guida se si vuole recuperare la patente.

La patente, pertanto, rimane sospesa a tempo indeterminato sino all’esibizione della certificazione medica di idoneità.

Competenti per gli accertamenti sanitari sono le commissioni mediche locali.

Le informazioni di base circa le modalità per effettuare la visita medica e le indicazioni sulla documentazione da presentare in prefettura e/o presso gli uffici della motorizzazione sono contenute nell’ordinanza di sospensione.

Al riguardo va precisato che ogni commissione medica ha i suoi protocolli.

Cosa succede in caso di revoca della patente per alcol?

In questo caso per tre anni non si può guidare e poi, dopo aver ottenuto il nulla osta dalla Prefettura, si devono nuovamente fare gli esami di scuola guida per riacquisire la patente di guida.

Quanto tempo ci vuole per recuperare la patente per alcol?

Il periodo di sospensione della patente è indicato nell’ordinanza di sospensione emessa dal Prefetto.

Se si vuole diminuire il periodo di sospensione è necessario presentare ricorso al Giudice di pace civile o essere assolti in sede penale.

Cosa succede quando ti ritirano la patente per alcol?

La patente ritirata viene trasmessa al Prefetto che emetterà l’ordinanza di sospensione e vieni denunciato per violazione dell’art. 186 quando il tasso alcolemico è superiore a 0,8 grammi per litro.

Ritiro della patente per alcol la prima volta, cosa succede?

In questo caso inizia un procedimento amministrativo ove viene sospesa la patente da parte del Prefetto per la prima volta ed inizia pure un procedimento penale per guida in stato di ebbrezza se il tasso alcolemico è superiore a 0,8 grammi per litro.

Poiché è la prima volta si hanno più possibilità.

Il suggerimento è quello di affidarsi ad un avvocato esperto della materia.

 

Hai necessità di nominare un Avvocato Penalista?

Chiama per assistenza immediata il 3392268781

info@studiolegalederosamistretta.it
·   Lunedì – Venerdì  15:30-19:00

Chiedi un Consulto

Esponi il tuo caso

    Alcoltest- conseguenze dell'alcol alla guida

    Alcoltest: le conseguenze in caso di alcol alla guida

    L’alcoltest è il processo di determinazione del tasso alcolemico al fine dell’accertamento dell’assunzione di alcol alla guida
    Leggi di più

    Prelievo ematico in guida in stato di ebbrezza: assolto!

    In un caso affrontato dalla Cassazione un’automobilista è stato assolto con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l
    Leggi di più
    Call Now ButtonPRENOTA UN CONSULTO