Alcol alla guida e ritiro della patente

Art. 186 del codice della strada

È possibile recuperare la patente dopo che è stata ritirata a seguito della contestazione del reato di guida in stato di ebbrezza ai sensi dell’art. 186 del codice della strada?

Certo che è possibile, e lo strumento più immediato consiste nel presentare ricorso al Giudice di pace civile entro 30 giorni dalla notifica dell’ordinanza di sospensione della patente.

Si può chiedere nel ricorso l’immediata restituzione della patente, prima della definitiva discussione del ricorso?

Sì, tuttavia bisognerà dimostrare al Giudice che il ricorso è fondato e che sussiste un pericolo qualora dovesse permanere la sospensione della patente.

Il Giudice deciderà su questa richiesta di sospensione dell’ordinanza di sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza o sotto stupefacenti generalmente in brevi tempi.

Successivamente il Giudice fisserà un’udienza dove potrà decidere definitivamente sul ricorso.

Conviene proporre ricorso contro il ritiro della patente in caso di guida in stato di ebbrezza?

Dipende dalle circostanze del caso concreto e in questo caso è utile consultarsi con il proprio Avvocato di fiducia esperto della materia.

Difatti, è dinanzi al giudice penale che si dovrà accertare e provare l’accusa di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

A mio avviso, la migliore strategia difensiva è quella che mette a fuoco l’obiettivo del cliente come ad esempio recuperare il prima possibile la patente per esigenze lavorative o mantenere la fedina penale pulita.

Una volta individuata la reale esigenza del proprio assistito la strategia difensiva è la conseguenza di una visione di insieme del problema e delle possibili soluzioni.

Pertanto il vostro Avvocato dovrà individuare la soluzione più adatta a voi proprio come se si fosse un sarto che deve tagliare un vestito su misura e “le misure” sono le vostre.

Esistono possibilità di recuperare la patente con il ricorso al Giudice di pace civile?

Certo che esistono, ma la valutazione delle ragioni per cui è possibile fare ricorso deve essere valutata attentamente dal vostro Avvocato di fiducia che si occupa di questa materia e che deve avere delle competenze penali, civili e amministrative.

Esistono altri rimedi a seguito del ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza o sotto stupefacenti?

Sì, esistono.

Se per esempio si dovesse avere un rapido provvedimento di archiviazione, come avvolte può capitare da parte del Giudice penale la patente verrà restituita.

Lo stesso principio vale nel caso in cui si dovesse avere una sentenza di assoluzione sempre da parte del Giudice penale.

Anche in questo caso la patente dovrà essere restituita dal Giudice penale.

Esiste un ulteriore rimedio per avere la patente nella metà del tempo?

Sì esiste e si tratta della possibilità di svolgere i lavori di pubblica utilità presso un ente convenzionato presso il Tribunale ai sensi dell’art. 186, comma 9 bis del codice della strada.

Articolo redatto dall’Avv. Vincenzo Daniele Mistretta

Hai necessità di nominare un Avvocato Penalista?

Chiama per assistenza immediata il 3392268781

info@studiolegalederosamistretta.it
·   Lunedì – Venerdì  15:30-19:00

Chiedi un Consulto

Esponi il tuo caso

    Prelievo ematico in guida in stato di ebbrezza: assolto!

    In un caso affrontato dalla Cassazione un’automobilista è stato assolto con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l
    Leggi di più

    Sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza: ci sono dei termini?

    In caso di sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza ci sono dei termini entro i quali il provvedimento di sospensione emesso dal Prefetto deve essere notificato?
    Leggi di più
    Call Now ButtonPRENOTA UN CONSULTO